Coaching and facilitation for business and personal well-being

Group Coaching

mani

Il Group Coaching è un processo di gruppo regolato dai principi del coaching, la cui finalità è lo sviluppo Personale e Professionale ed il raggiungimento di obiettivi di crescita. I partecipanti possono provenire da diversi ambiti e ciascuno con un obiettivo di sviluppo indipendente da quello degli altri.

Programmi di Group Coaching

I programmi di Group Coaching sono il frutto della messa a punto delle mie aree di expertise, insieme alle diverse esperienze di facilitazione di gruppo di cui il Mastermind* Le due macro-aree di intervento sono suddivise in Life Coaching e Career Coaching con i seguenti programmi:

GROUP COACHING

frecce

LIFE COACHING

  • COACHING4U: programma di svliuppo personale per vivere la vita deisderata. Liberi dii ssere se stessi autentici.
  • FELICITA' E SUCCESSO: come rompere i meccanismi mentali che generano infelicità e aggiungere più gioia e benessere nella propria vita.
  • ATTIVE PIU' DI PRIMA: un percorso di risveglio ri-attivazione rivolto alle donne in fase di transizione personale e professionale.

CAREER COACHING

  • SKILLS MANAGERIALI: lavorare per obiettivi e priorità,delega, saper motivare i collaboratori, gestione tempo etc)
  • COACHING SKILLS: competenze relazionali trasversali, comunicazione-feed-back – ascolto attivo etc.
  • RICOMINCIO DA CAPO: programma di re-inserimento professionale ( bilancio di carriera, definizione di un progetto professionale, personal branding, etc.)
 

*Mastermind: Napoleon Hill, autore di "Think and Grow Rich", definì il MASTERMIND come la: "coordinazione di conoscenza e sforzi, in uno spirito di armonia, fra due o più persone per l'ottenimento di uno scopo prestabilito." Era convinto che un gruppo di individui orientati al raggiungimento di obiettivi potesse aumentare notevolmente il successo l'uno dell'altro quando le loro menti fossero state in connessione.

Metodologia

Nonostante l'approccio di gruppo, il group coaching segue precisamente i principi del coaching non direttivo esattamente come il coaching individuale.
In aggiunta vengono integrati momenti di riflessione sui temi proposti dove vengono indicate delle "linee guida" sulla base delle quali ciascun partecipante valuterà e deciderà un proprio piano d'azione individuale, che verrà messo a punto durante l'incontro di follow-up con il coach (laddove è possibile è sempre prevista una sessione individuale di coaching).

Ad ogni incontro di group coaching  si fa il punto della situazione, si apprende dalle "cose accadute" nelle settimane appena trascorse, e poi si "entra" nuovamente nel vivo del coaching di gruppo per poi passare al tema dell'incontro di quel giorno.  Alla fine della sessione di lavoro ognuno stabilisce i propri obiettivi e si attivano le risorse utili per raggiungerli nelle settimane successive.

Alcuni vantaggi per i partecipanti

  • Imparare uno dall'altro vedendo se stessi negli altri (le sfide che si stanno affrontando sono simili);
  • ampliare la propria creatività imparando dalle esperienze condivise;
  • aumentare l'apertura a considerare soluzioni inconsuete osando di più;
  • acquisire auto-consapevolezza sia nella conversazione di coaching proposta dal coach che nelle condivisioni in gruppo;
  • acquisire alcune abilità di coaching da portare con sé nella propria vita, nel proprio lavoro.

Rispetto al Coaching individuale

Rispetto ad un Coaching individuale, il Group Coaching porta con sé il vantaggio di poter mettere a fattor comune le esperienze di tutti i componenti, tramite il confronto e la condivisione. Ogni partecipante darà il proprio apporto ed avrà modo di sviluppare la propria visione con il contributo degli altri sfruttando l'energia trasformativa del gruppo.

Rispetto alla formazione

Il group coaching si caratterizza per il fatto che unisce al training formativo (inteso come riflessioni e trasferimento di linee guida rispetto al tema sviluppato) gli strumenti del coaching non direttivo. L'idea che sta alla base di questa modalità di lavoro è che si è spesso riscontrata una certa difficoltà a tradurre concretamente nella realtà le competenze oggetto della formazione in aula. 

Questo tipo di metodologia consente, differentemente dalla formazione classica, di passare velocemente dal "sapere" al "saper fare" che è la caratteristica peculiare del coaching che per sua natura favorisce il passaggio dal sapere mentale ad un saper fare concreto. Spesso accade che nei percorsi formativi proposti, spesso si riscontra una certa difficoltà a tradurre concretamente nella realtà le competenze oggetto della formazione in aula.

Yoga della Risata
 

NEWS

  • 07/05/2017
    World Laughter Day

    "Diffondiamo il nostro modo di vedere le cose,perché una società che non sorride è una civiltà ... (continua)

  • 15/10/2016
    NOVITA'!!! Not4FunTraining

    1° edizione, ottobre 2016 (15-27-28) MilanoNel desiderio di integrare ... (continua)

  • 14/07/2016
    RidiamoCISù - Studio Corno

    In questo anno 2016 è iniziata una bella collaborazione con lo Studio Corno (Valmadrera, Lecco) ed ... (continua)

  • "Diffondiamo il nostro modo di vedere le cose,perché una società che non sorride è una civiltà ... (continua)


Obbligatorio


Obbligatorio.
Formato non valido.

  • ICF
  • ICF Italia
  • ACC